Caterina Ledda

Ricercatore di MEDICINA DEL LAVORO [MED/44]
Ufficio: Comparto 10, Edificio B, Piano 0
Email: cledda@unict.it caterina.ledda@unict.it
Telefono: +39 095 378 2049
Fax: +39 095 378 2049


Caterina Ledda, classe 1985, è dottore di ricerca in Malattie infettive, Microbiologia e Sanità Pubblica (La Sapienza, Università di Roma). Attualmente ricopre il ruolo di Ricercatore a Tempo Determinato di tipo B (RTD-B) per l’SSD MED/44 Medicina del Lavoro e ha già conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale per la II fascia.

Dal 2019 è Visiting Professor presso la Faculty of Medicine, Department of Occupational and Environmental Medicine, Riga Stradins University (Lettonia).

Fin dall’inizio della sua attività di ricerca ha rivolto il suo interesse nel campo della Tossicologia Industriale e Ambientale espandendo le proprie competenze nell’individuazione e nella messa a punto di biomarcatori di esposizione, di dose interna e di effetto precoce applicabili a popolazioni di lavoratori professionalmente esposti a xenobiotici ma anche a specifici gruppi a rischio della popolazione generale esposti ad inquinanti ambientali.

Successivamente si è dedicata allo studio dei meccanismi immunitari, metabolici e molecolari nell'invecchiamento fisiologico e nel lavoro a turni e notturno.

Inoltre si occupa della valutazione e prevenzione del rischio biologico in ambito occupazionale, con particolare attenzione alle malattie prevenibili da vaccino, alla mitigazione della vaccine hesitancy ed il contrasto dell'infodemia. 

Il suo nominativo è stato inserito nel registro CEPAS degli "Esperti Gestione COVID" con numero 1, a seguito del superamento dell'esame.

Insegna e fa parte del Consiglio Scientifico dei seguenti Master di II Livello attivati dall’Ateneo: Esperto in Gestione e Compliance Aziendale (EGCA), Medicina Legale Previdenziale e Assicurativa, Risk Management in Sanità.

Dal 2016 è Esperto collaboratore Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (AGENAS) per le Aree: 4. Clinico/Organizzativa/Epidemiologica/Sociale e 5. Ricerca e dei Rapporti Internazionali.

Ha ricevuto diversi riconoscimenti per l’attività scientifica svolta, tra cui il Premio per l’originalità e la validità del lavoro “Meticillino resistenza in Staphylococcus aureus: proposta di un protocollo operativo nell’ambito della sorveglianza sanitaria degli operatori sanitari” presentato in occasione del I HSE Symposium Health Safety Environment (2018).

La dott.ssa Caterina Ledda è membro di numerose società scientifiche nazionali e internazionali e fa parte del comitato editoriale di riviste scientifiche internazionali. Ha organizzato numerosi convegni scientifici ed è stato relatore in diversi eventi scientifici sia in Italia sia all’estero. In particolare dal 2017  è co-organizzatore degli eventi scientifici denominati “Etnean Occupational Medicine Workshop” che hanno la finalità di affrontare varie tematiche della medicina del lavoro con esperti di altre discipline.


visualizza le pubblicazioni
N.B. l'elevato numero di pubblicazioni può incidere sul tempo di caricamento della pagina
ANNO ACCADEMICO 2020/2021


ANNO ACCADEMICO 2019/2020


ANNO ACCADEMICO 2018/2019


ANNO ACCADEMICO 2017/2018

  • Studio delle fibre asbestiformi.

Le sub-linee di ricerca sono:

  • Studi sulle alterazioni molecolari e/o morfologiche determinate dall’esposizione da fibre asbestiformi.
  • Studi dei processi d’infiammazione indotti da fibre asbestiformi in soggetti esposti sia livello ambientale che occupazionale.
  • Studi sulle lesioni toraciche non maligne nella popolazione generale e in lavoratori.
  • Identificazione di biomarkers al fine di individuare un mezzo di screening.
  • Prevenzione primaria delle malattie infettive nei lavoratori.
  • Invecchiamento, lavoro notturno e a turni: studio degli effetti infiammatori, metabolici e meccanismi molecolari.
  • Studio dei fattori di rischio chimici e fisici nell’ezio-patogenesi di malattie cronico-degenerative.

Le sub-linee di ricerca sono:

  • Patologie neurologiche e neurodegenerative.
  • Patologie tumorali.
  • Patologie cardiovascolari.

 

Parole chiave:

Medicina del Lavoro, Medicina Occupazionale, Epidemiologia Occupazionale, Biomarkers, Tossiciologia Industriale; Tossicologia Molecolare; Esposoma; Esposizione pregressa; Stima; Rischio; Vaccino; Agenti biologici; Agenti chimici; Agenti fisici; Ritmi circadiani.